giovedì , 20 luglio 2017
AE NEWS
Home < NEWS ATTUALITA' < Efficienza energetica in Emilia Romagna

Efficienza energetica in Emilia Romagna

Sono oltre 50 milioni di euro le risorse destinate fino al 2020 ai Comuni e ai territori per lo sviluppo della low carbon economy in Emilia-Romagna. L’obiettivo è, tra l’altro, realizzare edifici pubblici più efficienti, sostenibili e alimentati da fonti rinnovabili, treni ad alta efficienza energetica e trasporti pubblici ibridi o elettrici.
Le risorse destinate alla low carbon economy arrivano dal programma europeo 2014-2020 del Por Fesr, in cui è previsto di incentivare l’efficienza e il risparmio energetico e lo sviluppo delle fonti rinnovabili sia da parte degli enti pubblici che delle imprese.
Le misure, in particolare quelle destinate ai Comuni, si inseriscono nel percorso di realizzazione del nuovo Piano energetico regionale dell’Emilia-Romagna e di cui si è parlato nel corso del convegno “Il ruolo dei Comuni nella low carbon economy” che ha visto la partecipazione di amministratori locali, rappresentanti dell’Anci e dell’Unione europea.
Il nuovo bando rivolto agli Enti locali (Comuni, società in house, Acer), prenderà il via a maggio e ha l’obiettivo di promuovere l’eco-efficienza e la riduzione dei consumi di energia negli edifici pubblici, attraverso interventi di ristrutturazione e installazione di sistemi intelligenti di controllo, gestione e monitoraggio dei consumi energetici (smart buildings) per ridurre le emissioni inquinanti. Il bando di propone anche l’installazione di sistemi di produzione di energia da fonte rinnovabile per l’autoconsumo insieme a interventi di efficientamento energetico. L’impegno per la low carbon economy vede coinvolti direttamente i Comuni dell’Emilia-Romagna aderenti al Patto dei sindaci e che hanno sottoscritto i Paes (Piani di azioni per l’energia sostenibile), il principale strumento di programmazione locale delle misure per la sostenibilità energetica.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

02.03.16