martedì , 20 novembre 2018
AE NEWS
Home < NEWS DALLE AZIENDE < Il centro di taratura Accredia Lat 109 compie 20 anni

Il centro di taratura Accredia Lat 109 compie 20 anni

“Abbiamo sempre creduto nel valore degli strumenti di misura: la creazione di un centro di taratura è stato una logica conseguenza.” Così Gianfranco Zauli ricorda le motivazioni che hanno spinto Asita, azienda specializzata nella strumentazione di misura elettrica, ad aprire nel 1998, il proprio centro di taratura interno. “E’ stato un grosso investimento, ai tempi, che ha avuto sin da subito bisogno dei suoi spazi e delle sue attrezzature specifiche, ma ci ha permesso, primi e tutt’ora unici tra le aziende del nostro settore, di poterci fregiare di questo importante contributo.” Il centro, parte del circuito ACCREDIA, è abilitato per tarare: tensione continua (misuratori e generatori), tensione alternata (misuratori; generatori), Corrente continua (misuratori e trasduttori a pinza; generatori), Corrente alternata (misuratori e trasduttori a pinza; generatori), Resistenza in c.c. (misuratori; misuratori della resistenza di isolamento; resistori e generatori di resistenza attiva) e Resistenza in c.a. (misuratori). L’importanza di avere strumenti tarati da un centro accreditato sta assumendo la giusta importanza: infatti solo Il Certificato di Taratura ACCREDIA LAT, come quello rilasciato da ASITA è un documento ufficiale, riportante il logo ACCREDIA, che determina il legame tra lo strumento in taratura e il/i campione/i utilizzato/i attraverso sistemi di misura, procedure e campioni ufficialmente riconosciuti ed abilitati. “In parole semplici, in caso di contestazioni, problemi, questioni legali, solo un certificato ufficiale garantisce la conformità degli strumenti alle grandezze tarate.” aggiunge Zauli. “Proseguiamo a monitorare nuove grandezze che potremmo aggiungere a quelle che attualmente offriamo”. Andrea Amaretti, responsabile del Centro Accredia Lat 109 dal 2006, ha un’idea chiara di come si sono evoluti gli strumenti: “è in atto una concentrazione di funzioni in singoli strumenti, e, al contempo, una proliferazione di accessori che rendono i processi di taratura sempre più complessi”. Anche Asita ragiona in termini di evoluzione, in particolare è al lavoro per migliorare costantemente l’esperienza del cliente. “Il servizio taratura,” conferma il responsabile del Servizio Clienti, Alessandro Faccani, “è uno dei nostri fiori all’occhiello, ma, grazie alle nuove tecnologie puntiamo a migliorarlo ancora: stiamo predisponendo un accesso riservato online ai propri documenti, inclusi i certificati di taratura, che contiamo di rendere operativo entro fine anno, insieme ad un reminder che ricorda al cliente che l’anno di taratura sta per scadere e che arriva tramite e-mail.”

 

18.04.18