sabato , 8 agosto 2020
AE NEWS
Home < NEWS ATTUALITA' < Il networking porta efficienza, sicurezza e comfort nelle aree urbane di domani

Il networking porta efficienza, sicurezza e comfort nelle aree urbane di domani

Le sfide del futuro come l’urbanizzazione e i cambiamenti climatici possono essere vinte solo con idee e approcci innovativi. Infatti sono sempre più le persone che si trasferiscono nelle città. La conseguente carenza di spazio e risorse pone i Comuni di fronte a sfide impegnative. L’impiego delle tecnologie digitali rende le città più sicure, più efficienti e più sostenibili. La ‘smart city’, la città connessa alla rete e intelligente, è una soluzione ai problemi dell’urbanizzazione. Per trovare soluzioni efficaci, al di là delle singole misure e dei progetti pilota, è necessario un’intenso confronto tra tutte le parti coinvolte. La fiera leader mondiale Light + Building, che si svolgerà a Francoforte sul Meno dall’8 al 13 marzo 2020, è la piattaforma ideale per discutere di idee e progetti che riguardano l’automazione degli edifici, la ‘smart city’, il management intelligente di quartieri urbani ed energia, così come l’infrastruttura di ricarica elettrica avanzata e la sicurezza connessa. Verranno presentati prodotti e innovazioni relativi alla ‘smart city’ e verrà offerta una piattaforma dedicata all’automazione intelligente degli edifici, al management intelligente dell’energia e alla sicurezza connessa. Le innovazioni e gli sviluppi della tecnologia svolgono un ruolo chiave nei progetti che riguardano le città di domani. Un presupposto essenziale per la ‘smart city’ del futuro è una connessione sicura ed efficiente di persone, luoghi e infrastrutture. L’intenso collegamento tra gli impianti tecnici all’interno degli edifici e la raccolta dei dati provenienti da questi sono già una realtà. L’urbanizzazione sta riducendo sempre più lo spazio disponibile: gli edifici diventano più grandi, più alti e più complessi. Riuscire a registrare e valutare grandi volumi di dati può contribuire a migliorare la sicurezza, l’efficienza energetica e l’eco-compatibilità degli edifici e delle città. Tramite una rete di numerosi sensori è possibile mettere i loro dati a disposizione di tutti gli impianti tecnici e garantire così anche una riduzione dei consumi energetici. Secondo le stime della ZVEI  (Associazione nazionale tedesca dell’industria elettrotecnica ed elettronica), con l’automazione intelligente degli edifici si potranno ridurre del 20-30% sia il fabbisogno di energia che le emissioni di CO2. I sistemi di autoapprendimento favoriscono il coinvolgimento attivo degli utenti dell’edificio, ad esempio permettendo di gestire gli impianti di illuminazione, climatizzazione e riscaldamento in base alle esigenze personali o visualizzando sui dispositivi mobili le vie di fuga individuali. Secondo i dati forniti dalla “Arbeitsgemeinschaft Energiebilanzen” (Gruppo di lavoro sul bilancio energetico), in Germania circa il 13% del consumo di elettricità è attribuibile all’illuminazione. Le lampade a Led offrono un enorme potenziale di risparmio energetico considerando che consumano fino all’80% di energia in meno rispetto agli apparecchi d’illuminazione convenzionali. Inoltre la temperatura e il colore della luce possono essere personalizzati in base alle esigenze individuali nelle lampade a Led intelligenti con un conseguente aumento del benessere e della produttività (“Human Centric Lighting”). Nella città intelligente, l’illuminazione stradale a Led è dotata di WiFi, funzione di ricarica per le auto elettriche, pulsante di emergenza e altri sensori, e rappresenta così una componente importante dell’“Internet of Things” (IoT). Le ‘smart city’ potranno esistere solo con nuove soluzioni per la mobilità. L’intenso sviluppo della mobilità elettrica è una delle soluzioni al riguardo. A tale scopo sarà necessario mettere a disposizione punti di ricarica per veicoli elettrici e un sistema intelligente di gestione dell’energia in una rete elettrica intelligente (“smart grid”). Particolare attenzione deve essere dedicata qui all’integrazione dei punti di ricarica nell’infrastruttura elettrica dell’edificio, che deve essere adattata di conseguenza.

 

17.12.19