giovedì , 17 ottobre 2019
AE NEWS
Home < NEWS ATTUALITA' < Luce pubblica: quanto mi costi

Luce pubblica: quanto mi costi

L’illuminazione pubblica italiana e costa il doppio rispetto alla media degli altri paesi europei. Se ci confrontiamo con la Germania, addirittura cinque. A studiare l’argomento è stato l’Osservatorio sui conti pubblici italiani dell’Università Cattolica di Milano, ente guidato da Carlo Cottarelli. Secondo le analisi, il nostro paese potrebbe risparmiare circa 1 miliardo di euro, diminuendo del 50% la spesa attuale e mettendosi nella stessa scia degli altri stati europei. L’Italia spende 2 miliardi d’illuminazione a fronte dei 469 milioni dei tedeschi: 31,8 euro a cittadino italiano e 5,7 euro per il tedesco. In Europa la media si attesta a 15 euro pro capite. Prendendo come modello la Germania, si nota come piani di riduzione oculati dell’illuminazione pubblica possano portare a grandi risparmi, grazie all’adozione di lampade più economiche e all’utilizzo delle tecnologie. Ad esempio in alcune aree c’è l’attivazione della luce solo quando ci sono in zona delle persone. L’Osservatorio fa notare che nella realtà meno luce non significa meno sicurezza, Infatti borseggi e rapine e incidenti stradali avvengono anche dove c’è molta luce. Interessante notare che sono i paesi più ricchi a sprecare di meno. In generale l’Europa Centrale e Orientale risparmia di più, mentre Spagna, Portogallo e Italia sono gli stati che spendono di più. Nel dettaglio, le province italiane più virtuose del Belpaese non compaiono nemmeno nel primo 40% del campione. Napoli è la prima delle italiane nella classifica stilata, e occupa il posto numero 567. Seguono Bolzano al 578 e Genova al 660. Le maglie nere spettano invece a Olbia-Tempio (1.305° posto), Aquila (1.263°) e Aosta (1.262°).

 

23.09.19