venerdì , 23 agosto 2019
AE NEWS
Home < NEWS DALLE AZIENDE < Pronta la nuova sede italiana di Rittal ed Eplan

Pronta la nuova sede italiana di Rittal ed Eplan

A poco più di dodici mesi dalla posa della prima pietra, Rittal Italia è lieta di annunciare l’apertura della nuova sede della filiale italiana di Pioltello (MI). Un progetto globale ambizioso quello della multinazionale tedesca che, nel pieno rispetto della filosofia One Rittal, dà vita a un progetto sinergico tra Rittal ed Eplan, i cui collaboratori condivideranno la medesima sede nell’ottica di un’ottimizzazione e potenziamento delle strategie e degli obiettivi di business comuni. Un green building innovativo e avveniristico che ospiterà oltre 100 collaboratori delle due realtà aziendali, un progetto nato per consentire ai clienti di vivere le proposte e le soluzioni Rittal ed Eplan, un punto di incontro fatto di aree dimostrative e sale corsi appositamente studiate per trasmettere il vero concetto del valore. Una struttura in grado di assicurare un ridotto consumo energetico, progettato secondo i criteri NZEB (Nearly Zero Energy Building) e dotato di controllo automatizzato dell’irraggiamento interno all’edificio con sistema frangisole esterno. Con un’area complessiva di 4.800 m2 – di cui 3.700 m2 di edificio, 2.100 m2 di uffici, 500 m2 di showroom dedicato alle soluzioni Rittal e un’area demo per i configuratori Rittal e i software di progettazione Eplan – il nuovo edificio vanta un impianto FV da 23,4 kWp e un innovativo Data Center “made in Rittal”. Il nuovo building rappresenta uno dei fiori all’occhiello del Gruppo Friedhelm Loh, il cui investimento conferma, una volta di più, l’importanza attribuita a valori aziendali quali innovazione, modernità e orientamento alla soddisfazione dei clienti, che qui avranno modo di seguire l’intero percorso di Value Chain e innovazione tecnologica offerto dalle due società. L’inaugurazione della nuova sede avverrà ufficialmente in primavera, alla presenza del management tedesco e italiano, dei collaboratori Rittal ed Eplan, delle istituzioni e della stampa.

 

01.02.19