lunedì , 23 ottobre 2017
AE NEWS
Home < NEWS DALLE AZIENDE < Telmotor, grande risorsa per il territorio bergamasco

Telmotor, grande risorsa per il territorio bergamasco

telmoptor-x-sito-dalle-aziendeLe soluzioni illuminotecniche di Telmotor Light Consulting sono state fondamentali per dare vita a due straordinarie opere artistiche nella città di Bergamo, territorio in cui l’azienda è nata e dove è fortemente presente. Da un lato la ristrutturazione della prestigiosa Basilica di Santa Maria Maggiore in piazza Duomo a Bergamo, dall’altro Passi, opera ambientale realizzata nel cuore dell’ex centrale termoelettrica di Daste e Spalenga (BG).
La Fondazione MIA, ente che dal 1449 ha in gestione la Basilica di Santa Maria Maggiore in piazza Duomo a Bergamo, per festeggiare i suoi 750 anni ha deciso di valorizzare il luogo. Il team Telmotor con la supervisione di Mario Morosini e la regia di Riccardo Taccani, in collaborazione con il soprintendente Arch. Giuseppe Napoleone e l’Arch. Domenico Egizi, consulente della fondazione MIA, hanno sviluppato un progetto a regola d’arte e dal più alto contenuto, rinnovando tutto l’impianto di illuminazione interno dando nuova luce alla basilica, attraverso la migliore tecnologia Led.
Tra le recenti realizzazioni Telmotor sul territorio bergamasco, si distingue anche Passi, un progetto che porta la firma di Alfredo Pirri. Grazie all’artista e all’associazione culturale contemporary locus, che realizza attività espositive, formative e di ricerca mediante nuove strategie artistiche, l’ex centrale termoelettrica Daste e Spalenga di Bergamo è riaccesa giorno e notte attraverso l’opera ambientale Passi, giocata su superfici specchianti e un fenomeno luminoso che restituisce la luce del giorno durante la notte. Attraverso i proiettori SBP forniti da Telmotor e installati con il supporto del bergamasco Luca Colman, l’edificio si trasforma in una sorta di lanterna. Questo progetto site specific rientra nella logica di valorizzare e restituire attraverso l’arte questa “cattedrale industriale”, rimasta spenta per 60 anni, riaccendendola con una nuova e partecipata energia.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

19.09.16