domenica , 20 giugno 2021
AE NEWS
Home < NEWS ATTUALITA' < Gruppo Repower: risultati 2020

Gruppo Repower: risultati 2020

Repower ha registrato un risultato positivo nel 2020, mettendo in archivio un anno di successi in termini operativi nonostante la pandemia. Rispetto all’esercizio precedente, il risultato operativo (EBIT) ha registrato un incremento del 23%. L’esercizio 2020 del Gruppo è stato influenzato dalla pandemia di Covid-19 a cui si è reagito in maniera tempestiva: le misure operative introdotte a scopo di protezione sono state implementate rapidamente e la digitalizzazione dei processi di lavoro ha ricevuto ulteriore impulso. La sicurezza dell’approvvigionamento è stata garantita in ogni momento e le conseguenze negative per l’andamento dell’esercizio si sono mantenute entro limiti accettabili. Le perdite di fatturato e margine sono state controbilanciate dalla forte domanda di energia di bilanciamento sul mercato italiano. Nonostante l’aumento dell’EBIT, l’utile del Gruppo è calato a 38,5 M€ (-15%), principalmente a causa di perdite fiscali portate a nuovo che sono state fatte valere negli anni precedenti e che ora sono state esaurite. I ricavi complessivi del Gruppo Repower, pari a 1.6 miliardi di €, sono stati inferiori del 7,6% rispetto ai ricavi dell’esercizio precedente.  L’anno scorso la produzione propria complessiva di Repower (compresa l’energia da partecipazioni) si è attestata a 2.951 milioni di chilowattora (-14%*) e la produzione di energia elettrica degli impianti eolici in Italia è stata inferiore alla media a causa di condizioni di vento sfavorevoli. Per contro, la produzione di energia idroelettrica da impianti propri è stata superiore di circa il dieci per cento rispetto alla media a lungo termine.  La centrale a ciclo combinato gas-vapore di Teverola, in provincia di Caserta, ha registrato una performance senza precedenti, grazie alla forte domanda di energia di bilanciamento e nonostante un’interruzione operativa di tre mesi. L’impianto di Teverola ha fornito un importante contributo alla stabilità della rete nelle regioni centro-meridionali in Italia, generando per il Gruppo un margine in crescita di 21,4 milioni di euro, rispetto al 2019.  Repower Renewable, la società dedicata alle fonti rinnovabili di cui Repower Italia ha la maggioranza, ha ampliato notevolmente il suo portafoglio nel 2020, acquisendo dodici impianti fotovoltaici per 14,3 MW, superando in questo modo i 100 MW di capacità complessiva. Per quanto riguarda la generazione in Svizzera, nel 2020 Repower ha messo in servizio il più grande impianto fotovoltaico dell’Engadina (1,1 MW) a S-chanf nel novembre 2020. Inoltre, nell’estate 2020 è stato dato il via in Valposchiavo al più grande investimento di ammodernamento nella storia dell’azienda. La centrale idroelettrica di Robbia sarà completamente rinnovata entro il 2023, dalla presa d’acqua fino ai canali di deflusso, con investimenti previsti per circa 116.7 M€. È stata inoltre rinnovata la centrale di Madulain per complessivi 2.14 M€.  Il segmento «Mercato Italia» ha aumentato l’EBIT di 21,2 milioni di euro, ovvero del 46% da 45.7 milioni di euro a 66.9 milioni di euro.  Hanno inoltre contribuito al positivo andamento del margine dell’energia nel Mercato Italia anche le attività con i clienti finali, che hanno incrementato l’EBIT di 7,5 milioni di euro. A causa della scarsa ventosità, il margine lordo dell’energia derivante dall’attività relativa alle fonti rinnovabili è risultato inferiore alle previsioni, ma rispetto all’esercizio precedente è stato conseguito un contributo al margine più elevato, pari a 930 mila euro. Per il 2021 Repower attende una ripresa della situazione economica in Svizzera e in Italia, in particolare, l’attività di vendita in Italia dovrebbe beneficiare di questa crescita.

 

02.06.21