martedì , 25 luglio 2017
AE NEWS
Home < DOSSIER PROTEZIONI – NOVEMBRE/DICEMBRE 2016

DOSSIER PROTEZIONI – NOVEMBRE/DICEMBRE 2016

ABB

abb-ovr-qsPer la protezione delle apparecchiature elettriche sensibili, ABB presenta QuickSafe, una nuova generazione di dispositivi di protezione da sovratensioni (SPD). Gli SPD sono soggetti a un decadimento delle loro caratteristiche con il trascorrere del tempo: diventa, quindi, fondamentale potere prevedere il momento in cui si rende necessaria la loro manutenzione ed evitare di lasciare senza protezione i carichi. Per venire incontro a questa esigenza, QuickSafe combina la tecnologia di disconnessione termica brevettata ABB con il nuovo sistema di backup di sicurezza, che prevede due componenti elettronici per ciascun dispositivo. Quando necessario, un indicatore visivo mostra quale componente debba essere sostituito, consentendo al personale addetto alla manutenzione di identificare e cambiare in modo semplice e sicuro l’elemento danneggiato, mentre il secondo componente continua a proteggere l’apparecchiatura. Il sistema di riserva elimina il rischio che un impianto venga lasciato senza protezione, consentendo agli operatori di pianificare le necessarie sostituzioni degli SPD nel momento opportuno, senza o con ridotta interruzione delle attività e dei servizi. L’offerta prevede una gamma completa (monofase, 1N, 3N, 3L e 4L), in grado di adattarsi a ogni applicazione e dotata di tutte le opzioni per rispondere a qualsiasi esigenza del cliente: cartucce estraibili, contatto di segnalazione ausiliario, sistema di riserva di sicurezza. In particolare, i QuickSafe possono essere utilizzati in impianti industriali, con correnti di cortocircuito fino a 100 kA. L’installazione è rapida e non richiede attrezzi grazie all’inserimento su guida DIN, mentre la facilità di connessione, effettuata tramite cavi flessibili e sbarre rigide, consente di risparmiare tempo durante l’esecuzione delle prove dielettriche nei quadri elettrici (secondo IEC 61439-2 e IEC 60364-6).

 

 

Arnocanali

arnocanali-36_foto-arnocanali_scaricatori_sovratensioneLa linea Protection di Arnocanali propone una vasta gamma di dispositivi SPD (Surge Protective Device) per integrare, nell’equipotenzialità antifulmine, l’impianto elettrico soggetto a pericolose correnti di fulmine o sovratensioni, sia in impianti di uso domestico sia in impianti industriali. Gli scaricatori combinati (linea ISOPRO T1+T2) possono risolvere, in un unico punto di installazione, l’intera protezione da sovratensione della linea elettrica, potendo garantire, nell’ambito della distanza di protezione, alti valori di corrente di scarica con buon livello di protezione. I prodotti ISOPRO T1+T2 sono offerti in due versioni, distinte dal valore di corrente di scarica di 25 kA o 12,5 kA con impulso 10/350 microsecondi, che riassumono in un solo dispositivo, le caratteristiche dei prodotti di classe di prova I e classe di prova II. I prodotti ISOPRO T1+T2 si segnalano dunque, come una soluzione semplice e pratica anche per quelle applicazioni dove, immediatamente a valle del punto di installazione, occorre alimentare utenze sensibili alle sovratensioni (centralina per allarme, videocitofono etc.). La soluzione equivalente, con l’assemblaggio di prodotti tradizionali, quali scaricatori di classe I, classe II in un unico quadro, assieme a costose autoinduttanze, ha infatti un impatto pesante dal punto di vista dell’ingombro all’interno del quadro ed obbliga ad operazioni di cablaggio più complesse. La linea Protection è completata da SPD di classe T2 e classe T3, per realizzare dispositivi di protezione adatti ad ogni tipologia di impianto.

 

 

Dehn

dehnguard-se-h-li_2016_cmykDEHNguard ® SE H LI offre protezione per tutti i sistemi che necessitano di requisiti di elevata affidabilità e continuità d’esercizio. DEHNguard ® SE H LI, nuovo prodotto DEHN nella seconda generazione, stabilisce nuovi standard qualitativi e prestazionali. Con la funzione Lifetime Indication, lo scaricatore di sovratensione ha un sistema di allerta preventiva “intelligente” e avverte l’utente ancora prima del fine vita della protezione contro le sovratensioni. Grazie alla funzione Lifetime Indication e alla sua capacità di scarica fino a 65 kA (8/20 μs), questo nuovo scaricatore soddisfa le sempre più elevate richieste di protezione e continuità di esercizio di impianti elettrici in ambienti civili e industriali (ad esempio i centri dati, turbine eoliche offshore, centrali elettriche). L’indicazione a 3 gradini <verde– giallo – rosso>, si basa sulla brevettata tecnologia Pro-Active-Thermo-Control, della prima generazione di segnalazione a 3 livelli presentata nel 2005. Abbinata a un contatto di commutazione con scambio pulito per il telesegnalamento, fornisce indicazioni in tempo reale sulla corretta funzionalità della protezione da sovratensioni. Se in seguito a sovraccarico il varistore venisse danneggiato in modo irreversibile, all’utente verrebbe raccomandata la sostituzione del modulo di protezione, segnalata tramite la finestrella gialla e l’indicazione remota, e questo ancora prima che il sistema divenga vulnerabile. Finché non viene raggiunta l’indicazione “rossa”, lo scaricatore rimane infatti pienamente funzionale. Esiste inoltre la possibilità di integrazione in sistemi di monitoraggio “ Condition Monitoring”, rendendo così possibile un sistema di manutenzione preventiva facile da implementare.

 

 

Eaton

eaton-ea006300-type-f-rccb-machine-buildingEaton propone l’interruttore differenziale Tipo F progettato specificatamente per l’uso in applicazioni di azionamenti con inverter monofase, ad esempio su lavatrici o pompe di calore. La sua adozione consente ai progettisti di aumentare l’affidabilità dell’impianto garantendo livelli di sicurezza elevati per l’utente. La norma CEI EN 62423 include le specifiche di requisiti e le prove degli interruttori differenziali (RCD) di tipo F. Di conseguenza, sono stati modificati i requisiti per le installazioni che comprendono gli azionamenti con inverter. In questo tipo di applicazione, possono presentarsi correnti residue con frequenze miste che gli interruttori differenziali convenzionali (Tipo AC o Tipo A) non sono in grado di gestire. Sono inoltre necessarie altre misure per proteggere le persone dagli shock elettrici dovuti al contatto diretto o indiretto con un apparecchio difettoso, o a ridurre al minimo il rischio di incendi causati da correnti di dispersione verso terra. L’RCD di Tipo F offre non solo una protezione sicura e affidabile contro le correnti residue sinusoidali e contro le correnti continue disperse pulsanti (Tipo A), ma è anche in grado di gestire le correnti residue con frequenze miste fino a 1 kHz, secondo la CEI EN 62423. Le frequenze miste di questo tipo si verificano spesso all’uscita di un azionamento a frequenza variabile (inverter). Gli RCD di Tipo F sono in grado di gestire correnti di dispersione continue fino a 10 mA, presentano un ritardo ridotto prima dell’intervento e si distinguono dagli altri dispositivi grazie all’elevata resistenza ai picchi di corrente: questo riduce al minimo gli interventi intempestivi e garantisce un alto livello di sicurezza. Sono disponibili in versioni a 2 poli e a 4 poli per correnti nominali da 25 a 100 A. Grazie alle diverse sensibilità (30 mA, 100 mA e 300 mA), gli RCD di Tipo F offrono sicurezza alle persone e prevenzione dagli incendi, specialmente nelle applicazioni monofase.

 

 

 

Finder

finder_tipo7p68Il Tipo 7P.68 di Finder è uno Scaricatore di Sovratensione (SPD) per la protezione linee Ethernet con cablaggio fino a Categoria 6, o in genere per linee dati fino a 250 MHz, conforme alla norma EN 61643-21. Può essere utilizzato in linee Cat 5 e Cat 5 POE con tensione nominale fino a 60 V – 500 mA per l’alimentazione del carico. Questo lo rende idoneo per diverse applicazioni, dalla protezione dei PC, dei router o modem, alla protezione delle videocamere, del controllo accessi ad esempio con badge e tornelli, alla protezione di tutti i carichi che possono funzionare tra LPZ2-LPZ3 con o senza cavi schermati. L’SPD, infatti, è caratterizzato dal case in alluminio e connettori RJ45 in metallo al fine di garantire la continuità della schermatura dei cavi. Il Tipo 7P.68 può essere installato su barra 35 mm (EN 60715). A corredo, oltre i cavi per il collegamento a terra, viene fornita una staffa omega con connettori Faston utilizzabile ad esempio, nell’installazione sul case metallico del PC.

 

 

Gewiss

gewiss-restartautotest_000102ReStart Autotest è un dispositivo brevettato da Gewiss per proteggere l’abitazione e garantire la sicurezza dell’impianto elettrico. Semplicissimo da montare (bastano due fili) ed installabile in qualsiasi centralino di casa, ReStart Autotest è l’interruttore differenziale di Gewiss che protegge la casa da eventuali guasti all’impianto o da eventi imprevedibili quali fulmini o disturbi passeggeri nella rete. Infatti, quando la corrente salta a causa di uno sbalzo di tensione o di un temporale, ReStart Autotest la ripristina automaticamente in meno di dieci secondi, solo dopo aver verificato che non ci siano pericoli per le persone; se invece l’intervento è stato provocato da un guasto di tipo permanente (per esempio un cortocircuito o un filo scoperto), ReStart entra in blocco, segnalando l’anomalia mediante una spia luminosa. E abbinando il contatto ausiliario presente nel dispositivo ad un combinatore elettronico è possibile ricevere segnalazioni via SMS su eventuali interruzioni di energia o guasti all’impianto. In questo modo è possibile essere sempre informati anche in caso di assenza dall’abitazione. Inoltre, il dispositivo di Gewiss è l’unico in grado di garantire nel tempo le caratteristiche di protezione del differenziale svolgendo settimanalmente, in modo automatico e senza togliere tensione all’impianto, un test completo di sgancio del relé differenziale. Nei differenziali tradizionali questo test deve essere attivato manualmente tramite l’apposito tasto ‘T’ e costringe a togliere tensione all’impianto, obbligando successivamente a riprogrammare radiosveglie, videoregistratori, forni a microonde, allarmi, fax, segreterie eccetera.

 

 

Hager

hager-adp466h-interruttore-magnetotermico-differenzialehagerSemplicità di installazione, compattezza che li rende installabili in qualsiasi quadro, anche di dimensioni ridotte, differenti sensibilità e classi di intervento per soddisfare le esigenze di protezione di ogni impianto da dispersioni, sovraccarichi e cortocircuiti: questi sono alcune dei vantaggi della linea interruttori magnetotermici differenziali 4 poli in 4 moduli di Hager che ora si arricchisce di nuove soluzioni da 6 kA e di un’intera gamma da 10 kA. Conformi alla norma CEI EN 61009-1, i nuovi interruttori sono disponibili con differenti sensibilità e classi di intervento per soddisfare le esigenze di protezione di ogni impianto. Gli accessori esistenti come il contatto ausiliario, il contatto di allarme, le bobine di apertura a lancio di corrente e di minima tensione sono completamente compatibili con questi nuovi interruttori. Tutti e quattro i poli degli interruttori sono dotati sia di protezione termica sia magnetica assicurando così la protezione del neutro anche in presenza di armoniche (IT, PC, server, reattori). Le doppie clips Quick-Snap, superiori e inferiori, consentono un semplice smontaggio degli interruttori anche se affiancati mentre i morsetti Bi-Connect di cui sono dotati agevolano una connessione sicura alle barrette di cablaggio. Inoltre, i morsetti a gabbia hanno un dispositivo che garantisce il corretto inserimento del cavo nel morsetto. La sicurezza di utilizzo dei nuovi interruttori è assicurata dalla chiara visualizzazione sulla leva della posizione di aperto/chiuso. Anche l’intervento per guasto a terra è chiaramente segnalato mediante un indicatore giallo al centro dell’interruttore. Il design comune alle altre gamme prevede, infine, un portaetichette integrato con coperchio di protezione trasparente per una chiara identificazione della funzione dell’interruttore.

 

 

Phoenix Contact

phoenixph_4762_img_tt_sec-t1-t2La soluzione combinata Phoenix Contact di dispositivi di protezione “Flashtrab SEC-T1+T2”, racchiusa in un solo apparecchio, è composta da scaricatori di corrente atmosferica di Tipo 1 con tecnologia spinterometrica priva di corrente residua e da dispositivi di protezione contro le sovratensioni di Tipo 2 basati su varistori. Grazie alla tecnologia SEC (Safe Energy Control), i prodotti garantiscono una lunga vita operativa ed elevate prestazioni, riducendo al minimo la sollecitazione dell’intera installazione in caso di scariche atmosferiche. La soluzione combinata è ideale per ambienti con frequenti operazioni di commutazione: elevate correnti atmosferiche vengono gestite in modo sicuro da uno spinterometro privo di corrente residua di rete, mentre le sovratensioni transitorie sono limitate affidabilmente con varistori performanti. Il basso livello di protezione e la possibilità di impiego senza prefusibile in sistemi di alimentazione a 230/400 V con interruttori generali fino a 125A e Icc fino a 25 kA costituiscono ulteriori vantaggi di questa gamma prodotti. Il design compatto dello scaricatore minimizza i tempi di installazione e di manutenzione. Tutti i prodotti sono innestabili e possono essere testati con il dispositivo di prova per scaricatori “Checkmaster 2”.

 

 

Socomec

socomec-so_094_powercontrolsafety_surgysA completamento della vasta gamma di prodotti dedicati alla protezione da sovratensioni, Socomec propone i nuovi modelli di scaricatori di tipo 1 e 2, Surgys G100-F e Surgys G50FE. Si tratta di prodotti pensati per assicurare la protezione delle vostre installazioni di distribuzione in bassa tensione e dei vostri equipaggiamenti elettrici. Proteggono infatti l’impianto dalle sovratensioni provenienti da manovre industriali o da fulmini. Applicabile in Power Center o Quadri Elettrici equipaggiati con strumenti elettronici o Sistemi di Gestione Tecnica, la gamma Socomec di scaricatori modulari SURGYS è concepita per rispondere a tutte le necessità di protezione contro le sovratensioni, sia per gli impianti industriali che terziari, secondo quanto prescritto dalla norma IEC 61643-11. L’impiego sempre più frequente degli scaricatori di tipo 1 e 2 è dovuto alle ottime prestazioni offerte e al buon compromesso tra ingombri e costi. Rispetto a quelli di tipo 1, offrono un livello di protezione Up più basso e sono quindi più adatti alla protezione di carichi sensibili, mantenendo comunque valori di corrente di scarica molto alti. I dispositivi di tipo 2, invece, hanno tradizionalmente caratteristiche meno prestazionali in termine di corrente di scarica e possono quindi richiedere specifiche valutazioni d’utilizzo. Lo scaricatore di tipo 1 e 2 offre valori In e Imax più alti, così da concedere all’utente una maggiore flessibilità al momento della scelta del prodotto idoneo. Gli scaricatori Surgys sono modulari e adatti ad essere installati in tutti i tipi di quadri elettrici, semplicemente attraverso l’utilizzo di guida DIN. Queste protezioni sono, infine, provviste di un contatto ausiliario di segnalazione che, in ridondanza con l’indicatore frontale, informa l’operatore in caso di fine vita dello scaricatore, incrementando la sicurezza di funzionamento del sistema.

 

 

Vimar

vimar-limitatore-di-sovratensione-con-placca-eikon-evoIl Limitatore di sovratensione SPD di Vimar è un modulo da affiancare alle prese delle serie civili – nonché integrato negli adattatori multipli e nelle prese mobili multiple – che fornisce protezione a tutti i tipi di elettrodomestici ad esse collegate dai danni dovuti a sovratensioni presenti nelle reti di alimentazione. Le sovratensioni nelle reti domestiche possono avere origine sia da perturbazioni atmosferiche sia da comando, manovra o programmazione di carichi induttivi allacciati (condizionatori d’aria, motori di bruciatori, pompe dell’acqua, reattori di lampade fluorescenti o a scarica, lavatrici, ecc.). Scegliere di installare un SPD Vimar significa salvaguardare le apparecchiature, specialmente quelle contenenti elettronica di valore (Hi-Fi, TV, computer, videoregistratori etc.), a fronte di un investimento irrisorio. Una progettazione di sicurezza che non implica modifica di circuito. L’SPD per la serie Eikon, ha inoltre l’esclusiva caratteristica brevettata di “agevole sostituibilità” in sicurezza di tutta la scheda elettronica senza dover ricorrere a tecnici specializzati. Una spia di segnalazione rossa indica l’intervento della protezione e la necessità della sua sostituzione (il carico rimane alimentato ma non è protetto) mentre la spia di segnalazione verde indica la presenza della tensione di alimentazione e la protezione funzionante. La possibilità di sostituire tutta la scheda elettronica (non solo del fusibile in essa presente) dà la certezza assoluta di ripristino del funzionamento dell’SPD. Vimar ha ottenuto per gli SPD da lei prodotti la certificazione dell’IMQ con riferimento alle norme CEI EN61643-11. Gli SPD Vimar sono inoltre dotati di segnalazione della perdita di protezione dovuta a sovratensioni di energia superiore al valore indicato sul prodotto come dato di targa.

 

 

Zotup

zotup-schema-cablaggio_ae_1Si chiama Zotup una soluzione nel mondo degli scaricatori di sovratensione (SPD) caratterizzata da una tecnologia innovativa sviluppata in più di quattro anni di ricerca e sviluppo e supportata da oltre 330 test in laboratorio. Le prestazioni degli SPD Zotup, nelle classi di prova I e II, sono spinte al massimo livello, ma la vera innovazione è rappresentata da 3 caratteristiche uniche, coperte da ben 4 brevetti internazionali. Vediamo quali. La Funzione Fusibile Integrata (ff) in caso di guasto in corto circuito del SPD: con ZOTUP il fusibile di back-up non è più necessario poiché il disconnettore interno interrompe il circuito in piena autonomia nell’ambito di determinati valori della corrente di corto circuito. Gli SPD ZOTUP non si limitano a fornire l’indicazione di fine vita ma lo stato di usura viene visualizzata a mezzo di 3 colori sul fronte del prodotto. Il passaggio dal colore iniziale verde a quello giallo e, successivamente, a quello rosso è progressivo e dipende dalla quantità ed intensità delle scariche ricevute. Gli SPD Zotup non temono l’inquinamento conduttivo e le alte temperature per cui sono adatti all’impiego in ambienti gravosi (impianti inquinati da salsedine, polveri ecc.) Con Zotup è possibile ridurre i costi e i tempi di cablaggio; ridurre l’ingombro e ottenere prestazioni maggiori grazie a cablaggi semplificati. Grazie all’utilizzo di nuove tecnologie, Zotup Srl (ex Contrade Srl) è in grado di offrire una gamma di protezioni contro le sovratensioni che parte dalle applicazioni in Media Tensione ed arriva fino agli impianti speciali (linee di segnale, dati, video e telefonia). Inoltre, le apparecchiature elettroniche possono essere protette maggiormente grazie agli scaricatori della famiglia ILF che, oltre alla protezione Classe III, è dotata di un filtro contro le armoniche fino a 30 MHz.