martedì , 20 novembre 2018
AE NEWS
Home < NOVITA' < Phoenix Contact: una quarta generazione di moduli

Phoenix Contact: una quarta generazione di moduli

I moduli Quint DC-UPS di quarta generazione di Phoenix Contact possono essere integrati in modo semplice e flessibile in reti industriali Profinet, EtherNet/IP, EtherCAT o USB, garantendo l’alimentazione di impianti senza interruzioni anche in caso di mancanza di tensioni di rete. La gamma di prodotto dispone di quattro classi di corrente di 5 A, 10 A, 20 A e 40 A. Il sistema intelligente di gestione della batteria “Battery Management System” con tecnologia IQ provvede all’utilizzo ottimale della batteria. La tecnologia evita interruzioni grazie all’analisi preventiva degli stati operativi e della batteria, consentendo la pianificazione della sostituzione della batteria. La funzione di rilevamento automatico della batteria permette di riconoscerne la tipologia autonomamente, e, personalizzando le caratteristiche di carica, ne massimizza la vita elettrica. Il caricabatteria fino a 5 A garantisce una rapida ricarica, consentendo lunghi periodi di copertura e, di conseguenza, una disponibilità ininterrotta dell’impianto. Grazie alle interfacce integrate sono possibili il monitoraggio energetico e funzionale, la parametrizzazione dei dispositivi e lo shut down controllato in qualsiasi momento e indipendentemente dalla posizione. Il costante controllo della corrente e della tensione di uscita nonché l’attivazione e la disattivazione manuali aumentano l’efficienza di sistema. La funzione di avviamento a freddo attiva il gruppo di continuità anche in assenza di tensione di ingresso, consentendo di eseguire la prova funzionale e la messa in funzione anche senza rete. La tecnologia SFB permette di far intervenire gli interruttori magnetotermici standard mentre le utenze collegate in parallelo continuano a funzionare garantendo la selettività dei carichi. Grazie alla loro larghezza da 35 a 47 mm ed all’altezza di 130 mm, i compatti UPS consentono di risparmiare spazio nel quadro elettrico.

 

N°7-2018