venerdì , 9 Dicembre 2022
AE NEWS
Home < DOSSIER STRUMENTAZIONE Novembre 2013

DOSSIER STRUMENTAZIONE Novembre 2013

Asita

Asita-bigAsita presenta il nuovo data-logger multicanale wireless con tecnologia bluetooth LR8410/20, che si compone di una unità centrale di visualizzazione e registrazione che colloquia tramite bluetooth con le unità di misura remote, permettendo di semplificare l’utilizzo di questa strumentazione in campo e in laboratorio, riducendo la lunghezza dei cavi e i problemi dovuti a disturbi. Il sistema è composto dalla stazione di acquisizione LR8410-20 a cui possono essere abbinare due distinte unità di misura wireless, i modelli LR8510 e LR8511, dotate di 15 canali di ingresso ciascuna. L’unità LR8510 è idonea a acquisire segnali in tensione fino a 100 V, e segnali di temperatura da termocoppie, con un isolamento elettrico tra ogni singolo canale di 300 V mentre l’unità LR8511 può acquisire anche segnali di temperatura provenienti da PT100 e JPT100, e valori di resistenza, sempre con un isolamento elettrico di 300 V.
L’unità centrale LR8410/20 può acquisire dati da un massimo di 7 unità di misura per un totale di 105 segnali contemporanei con una velocità di acquisizione di 100 ms. Per rendere la configurazione e l’utilizzo semplici ed immediati, LR8410/20 è dotato della funzione di riconoscimento automatico delle unità di misura; è sufficiente accendere il data-logger e le unità di misura nonché attivare la comunicazione bluetooth.
La distanza tra unità centrale e unità periferiche di misura può superare i 30 metri lineari in campo aperto. Le unità di misura LR8510 e LR8511 sono dotate di memoria interna locale per il backup nell’ipotesi in cui avvengano temporanee perdite di comunicazione. In tal caso l’unità centrale mostra una pagina di avvertimento e può inviare una mail informativa; al ritorno della comunicazione tutti i dati memorizzati dalle unità di misura, vengono trasferiti all’unità centrale. A completamento delle prestazioni di LR8410/20, funzione http server, FTP server, software Logger utility in dotazione.

Fluke

FlukeF-1730-bigL’Energy Logger trifase Fluke 1730 è uno strumento intuitivo, progettato appositamente per la registrazione dell’energia. Prima del Fluke 1730, gli unici strumenti disponibili per la registrazione dell’energia erano logger per usi generali di bassa fascia oppure costosi analizzatori di Power Quality di fascia alta il cui utilizzo richiedeva una formazione avanzata. Il Fluke 1730 rende la registrazione dell’energia un’attività molto semplice, dalla configurazione ai risultati. Questo strumento rende possibile, a una grande varietà di elettricisti professionisti qualificati, la configurazione e il collegamento del Logger, e consente ai responsabili delle strutture di esaminare i registri relativi all’utilizzo dell’energia elettrica senza che siano esperti di Power Quality. Lo strumento è ottimizzato per rispondere ai requisiti di registrazione dell’energia negli impianti industriali e negli edifici commerciali/istituzionali, ma le sue applicazioni sono sostanzialmente più ampie. Può essere impiegato sia da personale interno sia da elettricisti e tecnici esterni subappaltatori.
Le società di consulenza/verifica energetica e di assistenza elettrica/tecnica hanno tutte bisogno di un Logger che sia affidabile e veloce da configurare, dotato di un software intuitivo per le analisi dei dati su schermo e per la creazione di report per clienti.

HT Italia

HT-FULLTEST3-bigL’innovativo modello Fulltest3 di HT Italia è stato progettato per l’esecuzione delle verifiche di sicurezza elettrica su macchine e quadri elettrici in stretto accordo alle normative IEC/EN60204-1:2006 e IEC/EN61439-1. In tale ottica lo strumento svolge un elevato numero di test che lo pongono come soluzione flessibile anche per soddisfare del tutto o parzialmente altri tipi di normative (ex: test di routine IEC/EN60335-1). Oltre alle misure di continuità dei conduttori di protezione, isolamento e rigidità dielettrica Fulltest3 è in grado di svolgere, tra l’altro, test su differenziali (RCD) di tipo A, AC e B Generali, Selettivi e Ritardati, misure di Impedenza di Linea/Loop anche con elevata risoluzione 0,1 mOhm (con accessorio opzionale IMP57), resistenza globale di terra senza intervento RCD e corrente di dispersione con trasduttore a pinza. Sono inoltre previsti test sui poteri di interruzione, intervento delle protezioni, test I2t relativi a interruttori magnetotermici in curva B, C, D, K e fusibili tipo gG e aM. Lo strumento è dotato di moderne interfacce come un display grafico a colori “touch-screen” e 3 porte USB per collegamento a PC, a pen drive USB, a stampanti USB ed eventuali lettori di codici a barre. Un dispositivo Bluetooth è inoltre previsto per collegamenti a dispositivi mobili.

Schneider Electric

schneiderSE_PM5000_bigLa serie PowerLogic PM5000 di Schneider Electric è adatta per applicazioni avanzate di suddivisione dei costi energetici permettendo di allocare correttamente i consumi, ottimizzando l’efficienza e l’utilizzo delle apparecchiature e garantire un controllo della qualità della rete elettrica.
Ecco le principali caratteristiche: classe di precisione 0,2 S (PM5500) e 0,5 S (PM5100, PM5300) per la misura dell’energia attiva; conformità alle norme EN50470 – 1/3 (MID), IEC 61557-12, IEC 62053-21/22, IEC 62053-23; due porte Ethernet ( PM5500 ) a daisy chain – meno cablaggio e installazione semplice; pagine Web a bordo dei PM5500 per la visualizzazione di informazioni in tempo reale e registrate. L’acquisizione dei dati (PM5300, PM5500) localmente nella memoria non volatile assicura che le informazioni non vengano perse in caso di una interruzione delle comunicazioni di rete. Le fasce orarie (PM5300 , PM5500) che garantiscono flessibilità nella struttura della fatturazione. Le armoniche individuali in aggiunta a THD e TDD permettono di aiutare a localizzare la fonte di disturbi. Il campo di tensione è esteso (connessione diretta fino a 690 V FF). Gli strumenti della serie PowerLogic PM5000 sono in grado di gestire l’energia per vari tipi di applicazione ad esempio: imputazione dei costi per il consumo complessivo di energia di tutte le utenze (ad esempio, Wages ) e allocazione dei costi per ogni zona, per utilizzo, per turno, o per il tempo all’interno della stessa struttura; subfatturazione: far pagare agli inquilini l’energia consumata individualmente. Gli strumenti sono adatti anche per applicazioni sub-metering, ad esempio per monitorare i consumi e i parametri elettrici in tempo reale, fornire delle informazioni base sulla qualità dell’energia, e controllare lo stato dell’impianto da remoto, con l’obiettivo di aumentare l’affidabilità della rete e la disponibilità di potenza.