mercoledì , 6 Luglio 2022
AE NEWS
Home < NEWS ATTUALITA' < Nuove frontiere delle tecnologie meccatroniche

Nuove frontiere delle tecnologie meccatroniche

Si è svolto il 20 e il 21 ottobre Meccatronica Digital Days, l’edizione digitale dell’omonimo Forum, ideato dal Gruppo Meccatronica di ANIE Automazione e organizzato da Messe Frankfurt Italia. Meccatronica Digital Days, dedicato a “Tecnologie per l’industria sostenibile”, si è rivolto al settore manifatturiero con nuovi spunti per ottimizzare la produzione, attraverso una strategia di crescita sostenibile, must per la competitività delle imprese sul lungo periodo. L’agenda di Meccatronica Digital Days ha dato spazio a quattro principali aree tematiche sviluppate nel corso delle due giornate. La Sessione progettazione si è focalizzata sulla virtualizzazione e simulazione per validare il progetto, emulare le prestazioni di macchina, anticipare le criticità, ridurre i tempi di sviluppo e realizzazione del prototipo. “Abbiamo visto davvero molti dei driver che spingono le aziende produttrici di macchine e di conseguenza i clienti finali verso una realtà tecnologica ed interconnessa. AROL è un produttore di macchine verticalizzato nel packaging tipicamente macchine Tappatrici ad alta velocità nel settore Beverage&Food ma anche soluzioni in ambito Health Care). Se incrocio le necessità di un’azienda come la nostra con quanto presentato, diventa subito evidente la sinergia con i grandi player di Automation Technology che abbiamo incontrato nella sessione Progettazione del Forum, e ovviamente anche in quelle successive. Tecnologia 3D, sistemi di movimentazione flessibili, Motion Control, Digital Twin, Total Productive Maintenance, Edge technology e Cloud: tutte tematiche all’ordine del giorno per noi tecnici. Le soluzioni presentate concorrono tutte alla composizione di un ecosistema tecnologico favorevole per noi costruttori” Denis Ruffino, R&D Technical Director AROL. La Sessione comunicazione ha approfondito i temi di gestione e processi di calcolo, con approfondimenti sulle reti industriali per la trasparenza dei processi, la sicurezza degli utenti, laprotezione dei dati. “Sono stati affrontati temi estremamente interessanti e attuali, correlati anche alle sfide quotidiane di MFL X, il team dedicato di MFL GROUP che sviluppa e promuove l’utilizzo di tecnologie esponenziali per incrementare il valore delle linee industriali prodotte. Si è parlato degli sviluppi in Edge Computing, Industrial IoT, Condition-based Monitoring e nuove tecnologie di cavi Ethernet che possono risolvere la crescente complessità delle reti di comunicazione a livello di stabilimenti industriali; come per esempio il Single-pair Ethernet Cable. Importante sottolineare come, a differenza di soli 20 anni fa, il valore di una macchina industriale corrisponde oggi per il 33% circa all’hardware e per il restante 66% alla qualità del software/servizio fornito durante la vita utile della macchina (studio McKinsey & Co. del 2019).” Andrés Cartagena Ruiz, Head of MFL X, MFL GROUP. Nell’ambito della sessione produzione si sono esaminate soluzioni per massimizzare l’efficienza energetica con soluzioni ottimizzate e la produttività con l’inserimento di robot e loro integrazione a livello di controlli e funzioni. Infine nella sessione prestazioni si è dibattuto su come monitorare i parametri di processo e delle singole macchine attraverso le tecnologie: “I temi trattati sono stati di ampio spettro: dai sistemi meccatronici integrati presentati da Bonfiglioli Riduttori, alla sensoristica intelligente di Sick, a drive in grado di offrire una certificazione di sicurezza senza encoder come quelli di Keb, per poi affrontare un tema di grande attualità come la cybersecurity, esposta da Stormshield. Il filo conduttore di tutta la sessione è stata comunque la manutenzione predittiva, che anche grazie a modelli di supporto come quelli presentati da The Mathworks, andrà a sostituire la manutenzione prescrittiva, offrendo agli utilizzatori dei grandi vantaggi in termini di riduzione fermi macchina, ottimizzazione costi di manutenzione, e quindi una minore “total cost of ownership”, come testimoniato dai customer case e dai modelli di applicazione presentati da Lenze Italia.” Matteo Castiglioni, Deputy General Manager Mikron SA.

 

30.11.20