giovedì , 11 Agosto 2022
AE NEWS
Home < NEWS DALLE AZIENDE < Schneider Electric: quadro elettrico sostenibile di media tensione

Schneider Electric: quadro elettrico sostenibile di media tensione

Schneider Electric annuncia che, a partire dai primi mesi del 2022, nello stabilimento di Stezzano (BG) dedicato alla produzione di quadri elettrici di Media Tensione sarà avviata la produzione per l’Italia e i principali paesi del Sud Europa, quali Spagna e Portogallo, di SM AirSeT: una soluzione unica nel settore, che sostituisce con l’aria l’uso del gas SF6, come gas per l’isolamento  (SF6 è uno dei più potenti gas a effetto serra esistenti). SM AirSeT rappresenta un esempio concreto di come la visione di Schneider Electric per un futuro più “green” con obiettivo “emissioni zero” si possa realizzare con tecnologie sostenibili, che già oggi abbiamo a disposizione – la cui efficacia è moltiplicata dalla disponibilità di strumenti digitali che consentono di gestire con sempre maggiore efficienza l’energia elettrica (Elettricità 4.0). Sul prodotto sono stati depositati ben 57 brevetti, a testimonianza della capacità di innovazione di Schneider Electric, che ogni anno investe il 5% dei suoi ricavi in Ricerca e Sviluppo. Il gas SF6 – che fa parte della famiglia dei gas fluorurati – svolge efficacemente la sua funzione per l’isolamento elettrico, ma è di complessa gestione soprattutto in fase di fine vita del prodotto, quando si tratta di estrarlo e smaltirlo correttamente affinché non vi siano dispersioni. Dato che i quadri elettrici di media tensione sono un componente “onnipresente” nei sistemi di distribuzione elettrica -dagli edifici alle fabbriche – arrivare progressivamente a utilizzare soluzioni che usano l’aria, senza alcun compromesso in termini di sicurezza e funzionalità, può dare un contributo significativo nella sostenibilità degli impianti elettrici. ATM Milano, infatti, li impiegherà nei suoi depositi di Via Giambellino e Viale Sarca. I sistemi di distribuzione elettrica di questi depositi sono stati rinnovati per poter gestire al meglio le infrastrutture di ricarica per i bus, che entro il 2025 dovranno essere tutti ad alimentazione elettrica.

 

09.03.22