domenica , 26 settembre 2021
AE NEWS
Home < NOVITA' < Sistemi di ricarica Witty di Hager Bocchiotti

Sistemi di ricarica Witty di Hager Bocchiotti

L’Ecobonus 110% ha introdotto detrazioni fiscali per le spese per gli interventi di efficientamento energetico e di riduzione del rischio sismico. La condizione principale è che i lavori devono apportare un miglioramento di due classi energetiche o una sola classe energetica se si parte dalla B. Le colonnine di ricarica Witty di Hager Bocchiotti rientrano tra gli interventi che possono usufruire della detrazione fiscale del 110% delle spese sostenute. Di semplice installazione, i sistemi di ricarica Witty sono disponibili in tre versioni – Prise, Premium o Park – per rispondere alle esigenze di ogni tipo di mezzo elettrico: autoveicoli, scooter e biciclette elettriche. La gamma Witty è semplice da installare, performante e affidabile. È composta da diverse soluzioni, tutte da esterno, in modo da venire incontro alle esigenze residenziali private così come ad un utilizzo di natura commerciale, ad es. nei parcheggi, aree di sosta o centri commerciali. Premium e Park, sono le due soluzioni della famiglia Witty, con una potenza da 4, 7 a 22 kW, installabili a parete e su colonna. Sono in grado anche di gestire il controllo degli accessi tramite tecnologia RFID e la connessione IP tramite il protocollo standard OCPP (Open Charge Point Protocol). Nel caso di biciclette, scooter, moto e auto con piccole batterie, Witty mette a disposizione Prise, presa Schuko, con una potenza di ricarica pari a 3 kW. Le stazioni si integrano con l’ambiente e consentono di sfruttare varie tipologie di ricarica: lenta, accelerata o rapida. Su tutte le stazioni Witty è possibile controllare da remoto, tramite un comando a 24 V, avvio/arresto, riduzione della potenza di ricarica, ma anche ritardare l’avvio della ricarica, oltre che inibire l’utilizzo della stazione. Infine per le versioni Witty Premium è disponibile un accessorio che regola la ricarica dell’auto in funzione dell’assorbimento totale dell’impianto e della potenza contrattuale disponibile ed evitando in questo modo scatti indesiderati dell’interruttore sottocontatore.

 

N°3-2021