giovedì , 11 Agosto 2022
AE NEWS
Home < NOVITA' < Termocamere di Asita

Termocamere di Asita

Oggi si parla sempre più frequentemente di manutenzione predittiva. L’obbiettivo ambizioso di questa tecnica è quello di prevenire e, possibilmente prevedere, eventuali guasti in maniera da garantire il più possibile la continuità operativa di macchinari e linee di produzione. Buona parte della letteratura relativa a questo argomento è concentrata su macchinari. Viene frequentemente trascurata l’importanza del quadro elettrico quando invece il guasto di una apparecchiatura di manovra, installata sul quadro, può fermare un macchinario o addirittura un’intera linea di produzione. Una tecnologia fondamentale per il raggiungimento di questi obiettivi è la termografia. Il principio su cui si basa una analisi termografica è molto semplice: quasi tutte le anomalie in ambito elettrico si manifestano attraverso un aumento di temperatura. Attraverso l’analisi termografica possono quindi essere rilevate: connessioni allentate o ossidate, sovraccarichi su cavi o componenti, dimensionamenti insufficienti, surriscaldamenti dovuti alle armoniche ecc. In sintesi l’analisi termografica rappresenta oggi l’investimento più conveniente e più efficace ai fini della manutenzione preventiva e predittiva. Come ogni altra analisi strumentale, anche nella termografia è importante utilizzare uno strumento dotato di caratteristiche adeguate. In un quadro elettrico sono presenti componenti di piccole dimensioni, come per esempio i morsetti, per cui è necessario disporre di una termocamera dotata di un sensore con adeguata risoluzione. Ovviamente una immagine nitida e perfettamente a fuoco è molto utile per identificare con chiarezza la zona soggetta al surriscaldamento è quindi consigliabile disporre di una termocamera dotata di un sistema di lenti che consenta la messa a fuoco, manuale o automatica, dell’immagine. Asita propone un’intera gamma di termocamere, diverse per risoluzione e prestazioni, in grado di assistere il professionista in ogni condizione.

 

N°3-2020